martedì 23 ottobre 2012

Una pioggia di premi e di tag (piccolo spin-off del Post di Settembre)

Cari lettori,

Ottobre si avvicina a grandi passi alla sua conclusione e io sono in immenso ritardo! Ho mille post in preparazione che non vedo l’ora di condividere con voi – Speciali, nuovi arrivi, recensioni e chi più ne ha, più ne metta. Tuttavia, l’università richiede gran parte delle mie energie e il blog ha subito un inevitabile rallentamento (senza contare qualche novità sul fronte “sociale” che sta felicemente rubando il mio già esiguo tempo libero).

Per non lasciarvi totalmente senza aggiornamenti, però, ho pensato di pubblicare questo aggiornamento che era nato come parte del Post del Mese di Settembre, ma si è poi evoluto ed allungato e mi ha “costretta” a dargli uno spazio separato, per non appesantire troppo il riepilogo mensile e dargli la giusta visibilità.

Cosa troverete in questo post? Innanzitutto, le risposte a due serie di domande: una di Salomon Xeno (qui il suo blog), legata all’assegnazione del sempreverde Liebster Award, e una di Tanabrus (trovate il suo blog qui). Ringrazio entrambi per aver pensato a me e spero che le risposte soddisfino le loro curiosità – e anche le vostre!
Quindi, ci sarà ulteriore spazio per dei ringraziamenti: in questi ultimi due mesi il blog ha ricevuto un sacco di premi e ormai sapere quanto questo mi renda orgogliosa.

Spero che questa piccola deviazione dai soliti post di Bibliomania vi risulti gradita e vi incuriosisca; buona lettura!

Domande di Salomon Xeno
1) Ritieni sia moralmente accettabile eliminare un'altra specie, diciamo le zanzare?
No.
2) Pensi che la lingua italiana sia sessista? Se sì, pensi che esistano lingue che non discriminino?
No: penso che non sia la lingua, ma l’uso che ne si fa, ad essere sessista.
3) Affidereste una decisione importante a dadi/monete/generatori vari di numeri pseudocasuali?
Non esattamente… nel senso: io talvolta lo faccio, lancio in aria la monetina e attendo che cada. E mentre cade, mi ritrovo sempre a sperare che cada a favore di una delle due decisioni: quindi ignoro il responso della moneta e mi fido del desiderio inconscio che viene fuori solo durante la discesa della monetina.
Lo so, sono contorta!
4) Prendete posizione: Edison o Tesla?
Tesla! Non ci provo nemmeno a convincervi – lascio che sia Hank Green a farlo al posto mio.


5) Compagnia delle Indie Orientali o CdI Occidentali?
Indie Orientali tutta la vita – dopo aver sostenuto l’esame di Storia Moderna, a Settembre, sono ancora più sicura della mia scelta.
6) Cosa pensi di chi guida a sinistra? E di chi utilizza apparecchi a 60 Hz?
Penso che sia un uso bizzarro, ma d’altronde visti dall’esterno tutte le tradizioni altrui sono “bizzarre”, quindi…
Per quanto riguarda gli apparecchi a 60 Hz, ammetto la mia ignoranza e dichiaro di non saperne un’emerita cippa.
7) Cosa ne pensi del proibizionismo?
Penso che, nella maggior parte dei casi, sia il modo perfetto per far aumentare a dismisura il commercio di ciò che è proibito.
8) Sei prevenuto sulla cucina di altri continenti?
Assolutamente no, anzi! Amo sperimentare.
9) Credi nel soprannaturale?
In parte.
10) Pensi che il lavoro sia importante per la tua vita, anche se potessi tranquillamente vivere da mantenuto?
Assolutamente sì: il lavoro pone degli ostacoli da superare, ti obbliga a trovare soluzioni e a ingegnarti. Insomma, tiene vivo il cervello!
11) Temi tu la mort... ehm... i grandi sconvolgimenti della vita?
Un po’, ma… è impossibile evitarli, quindi tanto vale cercare di non temerli troppo e provare ad affrontarli e basta.

Domande di Tanabrus
1) Ti reputi nerd?
In un certo senso sì: mi piacciono moltissime cose considerate “da nerd”, adoro parlarne con amici che sono nerd e fieri di esserlo, seguo e amo blog dichiaratamente nerd-friendly. Però non mi piace etichettarmi, quindi, anche se sicuramente condivido moltissimi tratti del nerd-tipo, non mi sono mai definita come tale.
2) Un lato del tuo carattere che cambieresti, e uno che invece non abbandoneresti mai?
Vorrei riuscire ad eliminare il nervosismo che mi assale prima di ogni esame o prima di ogni incontro importante: da una parte mi aiuta a dare il meglio, dall’altra a volte mi impedisce di essere totalmente me stessa.
Non abbandonerei mai la mia curiosità intellettuale. , la mia voglia di imparare.
3) Cosa saresti in un’ambientazione tipica  fantasy?
Il nano femmina. Senza barba, ovviamente.
4) Cosa pensi delle mode nei libri? La moda degli scrittori minorenni gettati impreparati in pasto al pubblico, la moda dei triangoli amorosi sbrilluccicosi…
Purtroppo le mode sono inevitabili: tuttavia, trovo possano essere sfruttate positivamente (tentando di prendere il filone principale e giocandoci, variando gli archetipi…).
In generale, quel che non capisco bene delle mode è come possano funzionare – cioè, com’è possibile che ci siano lettori che vogliono leggere solo e sempre le stesse trame, che vogliono ritrovare sempre gli stessi dettagli? Non so, a me piace talmente variare e sperimentare che non riesco a immedesimarmi in questo desiderio. 
5) Lettura tradizionale e cartacea, o lettura digitale? Cosa ti aspetti dai libri digitali in futuro?
Entrambe!
Dai libri digitali mi aspetto, in futuro, un livellamento verso il basso dei prezzi (soprattutto per la cosiddetta “letteratura d’intrattenimento”; posso capire i costi elevati di un’edizione critica curata dai massimi esperti, un po’ meno i prezzi - poco inferiori al cartaceo - di libri destinati a finire nel dimenticatoio nel giro di qualche anno), riduzione al minimo delle sviste dovute alla conversione nei formati elettronici (come i casi di impaginazione scombinata et similia) e, permettetemi questo commento un po’ superficiale, l’introduzione di copertine pensate appositamente per gli e-book e gli e-reader (quindi, con una grafica e immagini che tengano conto dell’e-ink).
6) Sogni per il futuro?
Tanti, tantissimi. Più sogno, più spero che almeno una minima parte di queste aspirazioni possa realizzarsi.
Quello a cui tengo di più, al momento, è legato alle mie aspirazioni lavorative. Amo il mio corso di laurea e spero proprio che mi aiuti nel cammino che vorrei intraprendere.
7) Privacy e social networks: come ti comporti al riguardo? selezioni accuratamente cosa dire e a chi, scegli cosa dire ma lo dici a tutti, te ne freghi semplicemente…
Dipende dai social. Amo imparare e amo condividere quello che scopro, quindi i social mi hanno entusiasmata sin da subito; tuttavia, ogni piattaforma ha il suo pubblico e cerco di tenere bene a mente questa cosa. Quindi, su Facebook ho impostazioni riguardanti la privacy abbastanza “strette”, aggiungo solo persone che conosco e blogger di fiducia, che frequento da abbastanza tempo, e pubblico principalmente status personali, canzoni che mi appassionano, foto con i miei amici. Su Twitter preferisco pubblicizzare argomenti e temi letterari, cinematografico-televisivi, culturali in genere, retwittando argomenti interessanti o condividendo link che penso possano generare curiosità – mantenendo il profilo assolutamente pubblico. Google+ si pone in mezzo: pubblico sia aggiornamenti più personali, sia link che ritengo di pubblico interesse, compresi i post che più mi piacciono – anzi, direi che lo uso soprattutto per questo.
Insomma, a seconda del social mi immagino l’ipotetico pubblico e agisco di conseguenza – mantenendo riserbo solo sui miei contatti non telematici, che sono assolutamente privati e gradirei rimanessero tali.
8) Arriva l’attesa apocalisse zombie. Cosa fai?
Seguo alla lettera le regole di Zombieland.
9) Musica preferita?
Mescolo volentieri rock (soprattutto hard rock, ma in questo genere amo spaziare), sonorità jazz e qualche spruzzata di musica italiana qua e là.
10) Fatti una domanda, e datti una risposta ^^
Puoi migliorare? Sì, sempre!
11) Hai insulti da tirare a chi ti ha passato questo simpaticissimo meme? ^^
Ma no, alla fine mi diverte rispondere alle domande altrui, spero sempre che ne esca un ritratto di me che possa “svelarmi” un poco a chi legge.
Ma che non diventi un’abitudine! :P

Finito lo spazio delle domande (fantastiche, come sempre: Salomon e Tanabrus sanno il fatto loro!), arriva quello dei premi.
Grazie, grazie, grazie di cuore a tutte voi che mi avete assegnato un premio. Probabilmente vi sembrerò ripetitive, ma per me ogni premio è un riconoscimento da conservare gelosamente.

Mando quindi un abbraccio a Sophie (del blog Laume’s Journey) e a Caterina Armentano per il premio Cutie Pie…

premio-cutie-pie_thumb1

… un gran sorriso e un abbraccio anche a Chiara (del blog Bulimia Letteraria), che mi ha assegnato il premio Diamond…

image

… e infine ringrazio calorosamente il trio composto da Francesca, Faith ed Elisa (del blog Lost in Good Books) per il premio Simplicity, che hanno assegnato al blog anche Chiara e Caterina: ringrazio entrambe doppiamente!

sempliity_thumb1 

L’unico premio che ha delle vere e proprie richieste è quest’ultimo: tra le cose da fare ci sarebbe la condivisione di quello che per noi è la semplicità e un’immagine che la rappresenti.
Per me la semplicità è riuscire a rispondere a una definizione di questo concetto con labile e personale in meno di una riga. Personalmente, non credo di riuscirci.
Come immagine, vi propongo questa foto di Megson (fonte, come sempre, deviantArt):

simplicity_by_Megson


E con questa bellissima foto, vi saluto e vi auguro una buona giornata e buone letture!

Sempre vostra,

Cami

24 commenti:

  1. La foto è bellissima!! *_*
    Complimenti per i premi, meritatissimi ovviamente...
    I due questionari sono stati molto simpatici...insomma questo mese ti hanno accerchiata di attenzioni! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia :D
      Grazie per i complimenti! Eh sì, questo mese mi hanno viziata un po' :)

      Elimina
  2. In bocca al lupo per il corso di laurea, allora! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei rispondere "Crepi" ma poi qualcuno qui sotto potrebbe ricominciare a lamentarsi della cattiveria contro i lupi, quindi mi limito a dirti grazie :)

      Elimina
    2. Ecco, bada a quello che dici! :P

      Elimina
  3. Premi meritatissimi, parer mio.
    Mi piace il ragionamento della moneta. E' un po' come mettere se stessi alle strette per prendere una decisione. Nell'Hagakure si dice che un uomo (o donna, naturalmente) dovrebbe prendere decisioni nell'arco di sette respiri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile, grazie :)
      Per me è esattamente quello, "mettermi alle strette", costringermi a scegliere.
      Cavolo, sette respiri sono proprio poco! Non penso di esserne capace, per ora...

      Elimina
  4. Complimenti per i premi!!!
    Concordo con te per l'argomento "social": anch'io aggiungo SOLO chi conosco e ho impostato la privacy del mio profilo la più riservata possibile..

    Spero che il tuo corso di laurea di porti delle grandi soddisfazioni nella vita!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Dulina, sei gentilissima :D

      Elimina
  5. Nuovo premio per te: http://librisucculenti.blogspot.it/2012/10/amica-mia.html
    Sembro una spammer ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai "spam" fu più apprezzato ;)
      Grazie mille, davvero!

      Elimina
  6. Complimenti per i premi :) e belle risposte!! ^^
    Anche io sono un po' nerd, e... viva Zombieland :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Doppio grazie :D
      Io adoro "Zombieland", sono felice piaccia anche a te **

      Elimina
  7. C'è un piccolo premio per te :)

    http://lostingoodbooks.blogspot.it/2012/10/premio-blog-diamond.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Mi state veramente viziando *____*

      Elimina
  8. Complimenti per tutti questi nuovi premi!
    Mi spiace tu non possa essere più tanto presente sul blog, ma ono felice di sapee che gli impegni, universitari e non, sono comunque piacevoli e ti entusiasmano così tanto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)

      In realtà non è che sarò meno presente, solo diciamo che sarò "rallentata" nella pubblicazione dei post, perché ora come ora ho meno tempo per prepararli ;)

      Elimina
  9. Ecco il mio primo commento sul tuo blog. Eh, lo so... porta pazienza ma ora è probabile che mi avrai spesso tra i piedi!
    Complimenti per i tuoi premi.

    Solo una cosa mi lascia perplessa:
    "1) Ritieni sia moralmente accettabile eliminare un'altra specie, diciamo le zanzare?
    No."
    Sono d'accordo con l'affermazione, ma... ah ah ah! Sono sicura che hai capito. Era giusto per entrare in allegria tra i tuoi lettori fissi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me intendeva dire che sterminandole non avrebbe il piacere di... ecco, ci siamo capiti.

      Elimina
    2. Oh mamma, che cosa mi tocca sopportare! XD
      Grazie :)

      AHAH... allora, mettiamo in chiaro una cosa: ritengo non sia moralmente accettabile, ma non ho mai detto di comportarmi secondo suddetta morale u.u

      Elimina
    3. @Salomon Xeno: Ah, ecco... ora è tutto chiaro!

      @Camilla: Te lo dicevo io che non mi avresti sopportata a lungo! Però mi aspettavo avessi più resistenza...

      Elimina
    4. Ahah ma no Romina, sono ancora qua pronta a sopportare e resistere, tranquilla :D

      Elimina