martedì 3 marzo 2015

“Come si allungano le ore | di luce, com’è ingordo Febbraio | di oro torbido e di vita”

Miei cari lettori, mie care lettrici,

spero che abbiate passato il mese più breve dell’anno tra libri bellissimi e coperte calde. Il verso che ci porta questo Febbraio è tratto da una poesia di Giuseppe Conte che s’intitola Il tuo miracolo, amore; lo trovo molto adatto per descrivere il sole che, dopo tutta la neve venuta giù, sta finalmente accarezzando il giardino di casa.

imgxpost-mese

Per me è stato un mese di alti (altissimi) e bassi. Speravo di riuscire a mantenere i miei buoni propositi per il blog, ma purtroppo sono un po’ andati per la tangente, per così dire; tuttavia ho avuto i miei buoni motivi, e finalmente posso condividerli anche con voi.

Innanzitutto, purtroppo, il mio telefono è impazzito da un giorno all’altro; il che vuol dire aver perso le liste di libri interessanti, svariate bozze di recensioni, foto a libri e citazioni… Uno strazio. Uno strazio immenso. Purtroppo dovrò rinunciare a parlarvi di un po’ di libri letti tempo fa, di cui non mi sento di fare una recensione senza l’ausilio dei miei appunti (scritti subito dopo la fine della lettura). Come potete immaginare è stato piuttosto deprimente per me.
Fortunatamente ora il mio telefono è stato riparato e ho imparato a mie spese che avere il backup di ogni cosa è sempre buono e giusto!

In secondo luogo – e qui si passa alle notizie belle – posso finalmente parlarvi della mia prossima “avventura accademica”, come l’ho chiamata nell’ultimo post. Come alcuni di voi sanno, il mio sogno è lavorare nell’editoria; allora ho preso il coraggio a due mani e, appena presa la Laurea, mi sono iscritta al test d’ingresso per il Master in Editoria organizzato dalla Statale di Milano in collaborazione con la Fondazione Mondadori e con l’AIE.
E mi hanno presa. Mi hanno presa!
Non sto più nella pelle dalla gioia e non vedo l’ora di cominciare!
Vi ringrazio tanto per tutti gli incoraggiamenti che mi avete fatto sotto il post, e sappiate che in parte è anche grazie a voi se sono riuscita a passare: gli esaminatori mi hanno fatto molte domande riguardanti Bibliomania e quindi questo mio spazio, e di conseguenza anche voi, siete stati partecipi del mio successo. Quindi grazie di nuovo, e di cuore. Spero di poter condividere presto con voi spizzichi e bocconi di questa nuova esperienza!

logo-banner

Ma ora basta parlare di me: torniamo a parlare di libri. Volevo condividere con voi gli ultimi arrivi in casa P., che sono piuttosto vari. Grazie al sempre meraviglioso Bookmooch ho ricevuto Cuore cavo di Viola Di Grado (non nell’edizione con la copertina originale – e bellissima – ma ci accontentiamo) e Tutto il teatro di Sarah Kane, autrice che “corteggio” da un po’.

Cuore cavo - V“In Cuore cavo Viola Di Grado racconta la storia di un suicidio, di ciò che lo precede e di quello che segue: la famiglia, l'amore, la solitudine, la voglia di vivere intensamente e, dopo la morte, la nostalgia, la frequentazione "fantasmatica" delle persone amate. Un romanzo dalla natura crudele che racconta la decomposizione dei corpi e la "vita" dell'anima dopo la morte, il rimpianto per il mondo e l'aldilà senza sensi, la solitudine dei morti e quella dei vivi. Cuore cavo è un romanzo devastante, coraggioso, sorretto da una scrittura stupenda per originalità e poesia.”

Tutto il teatro - S. Kane

“Sarah Kane è una voce senza compromessi del teatro di oggi. Nei cinque testi che costituiscono il suo breve arco creativo, prematuramente interrotto, crea immagini di grande forza che ricostruiscono fino al minimo dettaglio gli estremi di un paesaggio con rovine, in cui le persone si sopraffanno ed esercitano senza pietà ogni tipo di violenza l'uno sull'altro, come risposta a un generale disagio esistenziale. Accusata all'inizio della sua attività di puntare solo allo scandalo e alla provocazione, ha dimostrato invece di saper giocare su varie corde, mettendo in campo capacità notevoli di scrittura ed elaborazione stilistica. La sua ricerca espressiva utilizza un linguaggio allo stesso tempo minuzioso e visionario, con violente liriche impennate, che sigilla la sua statura di classico della contemporaneità.”

In una libreria vicino alla mia vecchia università, poi, ho preso una bella edizione della Mondadori di tutte le poesie del Pascoli e il commesso, cui voglio già un sacco di bene, mi ha praticamente regalato in aggiunta un libricino di Roberto Calasso: La follia che viene dalle Ninfe.

La follia che viene dalle Ninfe - R. Calasso“Prima ancora di venerare la ragione, i Greci si inchinavano davanti alla possessione, fenomeno di «divina follia» che assume varie forme e da cui discendono il pensiero stesso, la poesia, la divinazione. Ma, se si indaga la storia segreta di questa parola – svilita e diffamata dai Moderni –, si scopre che alla sua origine vi è una figura: la Ninfa, provocatrice della possessione primigenia, la possessione erotica, che colpisce non solo gli uomini ma gli dèi. Il saggio che dà il titolo al libro è un tentativo di ricostruzione del significato di questi esseri delicatissimi e oscuri, fascinosi e terribili, dall’inno omerico ad Apollo fino ad Aby Warburg. A questo testo se ne giustappongono altri, che toccano temi disparati.”

Infine, grazie al benemerito servizio MLOL (ovvero il prestito bibliotecario di ebook) mi sono procurata La vedova Couderc di Simenon e In villa di Somerset Maugham. Di questi non vi lascio la trama perché vorrei parlarvene quanto prima, ma se siete curiosi trovate le sinossi qui e qui.

La vedova Couderc - G. Simenon   In villa - W. S. Maugham 

E anche per questo mese è tutto; per Marzo prometto di tornare al solito numero di post.
Vi mando un abbraccio e, come sempre, vi auguro di fare splendide letture!

Vostra,

Cami

12 commenti:

  1. Le tue letture sono davvero interessanti. Mi segno qualcosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti incuriosiscano, spero saranno ottime letture (per entrambe!) :)

      Elimina
  2. Di "Cuore cavo" non sono andato oltre pagina 60... A mia madre però è piaciuto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che me l'avevi già detto, avevo questo ricordo ahah :) Vedremo quando lo leggerò!

      Elimina
  3. Uelà. Sono contentissimo per te e per la bella notizia del tuo master!

    RispondiElimina
  4. Congratulazioni di nuovo, Cami, sono super felice per te! :D
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Paola! Ricambio l'abbraccio ^-^

      Elimina
  5. Complimentissimi Cami! Congratulazioni!!! Che cosa meravigliosa!
    Mi raccomando tienici aggiornati sui tuoi futuri successi nel campo dell'editoria!

    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :DDD Cercherò di tenervi aggiornati ;D

      Elimina
  6. Un po' in ritardo... congratulazioni!

    RispondiElimina
  7. Sono davvero contenta per te! Spero che questa nuova esperienza sia entusiasmante! :D

    RispondiElimina