sabato 30 giugno 2012

Giugno: gelati, esami, pagine che si scollano e questionari

Ciao a tutti!

Non so come si sta da voi, ma qui fa davvero caldo – talmente caldo che a volte temo che mi si sfaldino i libri (almeno, quelli in edizione economica)! Fortuna che almeno in casa fa fresco; anche lo studio, così, risulta un po’ meno pesante. Ma bando alle ciance! Ecco i libri che hanno raggiunto i miei scaffali nel corso di questo mese.

Innanzitutto, due acquisti: di solito cerco di evitare di comprare libri nuovi, però volevo farmi un regalino per i buoni risultati raggiunti agli esami (grazie per aver incrociato le dita per me, avete portato fortuna!) e per tirarmi un po’ su il morale per altre cose e quindi… Ho pensato subito che dei libri sarebbero stati perfetti! Ho preso Mattatoio n. 5 di Kurt Vonnegut e Esercizi di Stile di Raymond Queneau.

image image

Poi, nel corso del mese, ho scoperto e iniziato a usare il sito SoloScambio (ancora non mi pronuncio, nei prossimi mesi vi dirò se lo trovo valido o meno) e mi sono procurata Pomodori Verdi Fritti al Caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg, che desideravo da quando ho visto il film, davvero delizioso.
In più, grazie al gruppo “Indovina il Libro” su Anobii, ho vinto un libro di Valerio Massimo Manfredi: L’Ultima Legione. Manfredi mi incuriosisce, quindi sono proprio contenta di aver indovinato!

image image 

Anche sul fronte e-book è stato un mese proficuo. Grazie alla segnalazione di Eleonora (del blog The Book Nerd) ho scaricato gratuitamente da Amazon il romanzo Here, di Denise Grover Swank, la cui trama mi ha incuriosita molto; inoltre, ho ricevuto l’e-book Deserto Rosso: Punto di Non Ritorno dalla sua autrice, Rita Monticelli. A quest’ultimo libro sarà legato un piccolo progetto speciale, ma per ora non mi dico nulla!

image image

Sono proprio contenta del mio “bottino”!
Questo mese, poi, ho un’altra cosa da condividere con voi… ovvero, un questionario! Anzi, un doppio questionario: sono stata taggata da Marco AKA Salomon Xeno e dalla Leggivendola nell’iniziativa 11x11x11, perciò dovrò rispondere a ben 22 domande. Cercherò di essere meno prolissa del solito, promesso.

Domande di Salomon Xeno

1. Sei su un'isola deserta. Hai portato con te il tuo libro preferito, che sei disposta a leggere e rileggere per quanto rimane della tua breve esistenza. Sull'isola arriva un altro naufrago e te lo chiede in prestito, avendo con sé solamente un iPod. Come reagisci?
Prima di cedergli il mio libro, lascio passare un po’ di tempo (tanto lui, per ora, ha l’iPod; facciamo che, centellinando, riesce a farlo durare una settimana abbondante); devo capire se posso fidarmi a lasciarglielo per essere sicura che non tenti di farne carta da ardere… Perché, nel caso, potrei sviluppare una lievissima forma di aggressività.
2. Tiri un dado. Che numero esce? E cosa esce a me?
Ho preso un dado. Il primo numero uscito è 1; il secondo, il tuo, 3.
3. Hai l'Argo a tua disposizione per raggiungere un luogo qualsiasi. Quale rotta?
Argo! Che meraviglia! Posso scegliere una crociera lungo tutte le coste del mondo? Altrimenti, mi accontento della Grecia. Ci sono stata l’anno scorso e mi sono innamorata del mare e delle spiagge.
4. Hai l'Argo a tua disposizione per raggiungere un non-luogo qualsiasi. Quale rotta?
Lo dico? Lo dico. Hogwarts! Oppure, se devo attenermi di più alla definizione di non-luogo, il limbo dantesco sarebbe una delle mete papabili.
5. Quale potere (non super) ti piacerebbe avere? Come lo useresti?
Mi piacerebbe avere la memoria eidetica: la userei per riuscire meglio all’Università, al lavoro, nelle conversazioni… e ovviamente, per risolvere tutti i giochi della Settimana Enigmistica!
6. Un amico a cui hai appena passato il libro che stai leggendo (di tua proprietà) lo apre in malo modo e questo si rompe. Come reagisci?
*HUHUHUAHHAHAHARGHRGRHGHGHGH* HULK SPACCA TUTTO!
7. Ti hanno abbandonato su quella dannata isola! (Io non c'entro.) Come pianifichi la vendetta?
Prima di tutto, applico le sempre valide regole per la sopravvivenza di Bear Grylls. Nel frattempo, cerco qualche cespuglio di bacca velenosa (insomma, è un’isola deserta, dev’esserci per forza!) che, se mai riuscirò a tornare sulla terraferma, verrà casualmente fatta cadere nel dolce del malcapitato che ha deciso di lasciarmi lì.
Oppure l’esperienza sull’isola mi renderà immune a queste cose, dandomi l’indole ascetica di un monaco zen.
8. Una coccinella si posa sulla tua tenda. Cosa pensi?
Che devo avvicinarmi con un ditino e vedere se ci sale sopra, altrimenti non porta fortuna.
9. In che ruolo ti vedresti, se fossi il protagonista di un libro?
La tizia un po’ rompi e antipatica, che però sa sacrificarsi per la missione dell’eroe e si impegna al 100% perché si raggiungano tutti gli obiettivi!
10. In che ruolo vedresti me? (Non necessariamente nello stesso libro!)
Tu saresti l’aiutante un po’ enigmatico, quello che parla per indovinelli e che sta super partes, una specie di guardiano. Non chiedermi perché, è la prima cosa che mi è venuta in mente!
11. Rispondete a una tra le seguenti domande: Legale o caotico? Apollineo o dionisiaco? Neoclassico o romantico?
Legale, apollineo, romantico.

Domande della Leggivendola

1. Qual è stato il personaggio di un libro più importante di tutta la tua vita?
Domanda difficilissima! Ci sono stati talmente tanti personaggi che mi hanno segnata… sceglierne solo uno è una cosa ardua. In questo momento, direi Jean Valjean (protagonista de I Miserabili di Victor Hugo).
2. Devi scegliere un solo cibo di cui nutrirti per tutta la vita. Quale?
Uno solo? Ma sei davvero sadica! Rimango sul banale e dico la pasta.
3. Crea una tua Divinità!
Pantabì è la dea dell’inchiostro. Appare come una giovane dai capelli e gli occhi neri, con la pelle candida, e dall’abbigliamento piuttosto discinto: è coperta da pezzi di pergamena, papiro, carta e quant’altro (pieni di macchie colorate) che, uniti tra loro da scotch, filo, colla e graffette. Si dice che non parli, ma che le sue parole si sentano chiare e forti nella mente, come se fossero improvvisamente stampate nel proprio cervello. Se ne sta tendenzialmente sulle sue, ma le piace far notare, quando può, che “Apollo e l’ottetto del Parnaso han voglia, ad ispirare gente qui e là! Se non ci fossi io, andrebbe tutto in malora nel giro di un paio di decenni!”. Ultimamente l’idea del digitale la spaventa, ma è anche vero che finché ci saranno le stampanti, ci sarà speranza.
Ama essere venerata con sacrifici di toner e penne bic sui suoi altari.
4. L'opera d'arte che preferisci?
No, sul serio, a questa non posso rispondere. Come faccio? Non posso proprio scegliere. Passaparola! Mi avvalgo del diritto di non parlare!
5. Apri a caso il libro che stai leggendo in questo periodo e leggi la prima frase della pagina.
«Sì Woo, terrò davvero bene a mente le tue parole…» sussurrò ancora il Kirin del Clan Okumura.
(da Dark Side . Il Guerriero della Furia  di Luca Besia)
6. Una canzone che ti rappresenta.
Ho una canzone per ogni momento – cambiamo talmente in fretta, che credo sia difficile trovare qualcosa che ci rappresenti per sempre… questa, però, è quella che sento più vicina ora.

Hey You–Pink Floyd–The Wall

7. Raccontami una storia. Che sia breve e autoconclusiva. Via!
Claudia era una ragazza studiosa e simpatica, con una strana fissa per i gerani. Fabio era innamorato di lei da quando, in terza media, gli aveva fatto lo sgambetto durante la ricreazione. Quella sera di giugno aveva deciso, dopo dieci anni di amicizia e distante adorazione, di dichiararsi. Aveva organizzato tutto per bene: le aveva chiesto di andare al cinema, aveva preparato un mazzo di gerani da regalarle e aveva prenotato in un bel ristorantino del centro. Doveva solo ricordarsi di respirare, ogni tanto.
Il film si intitolava “Furia da Saturno – Attacco alla Terra” (Claudia amava i film con gli alieni, non se ne faceva scappare uno). A metà del film, però, senza alcun preavviso, si alzò dal posto, lasciando lì tutto, tranne i gerani. Fabio, confuso, prese la sua borsetta e la seguì. Era uscita dal cinema e stava in un vicolo buio. Stava… mangiando i fiori?
"Che fai?" le chiese, titubante. Claudia sorrise imbarazzata, con un petalo incastrato tra gli incisivi. "Fabio… mi rivogliono a casa. Su Saturno. Aspettavo da tanto un messaggio e finalmente  è arrivato!" disse lei, con gli occhi lucidi e felici. Fabio si rese conto di essere innamorato di una psicopatica. "Va bene Clo, va bene… Ora chiamo un taxi, eh?" disse, prendendo il telefono dalla tasca; ma gli bastò abbassare un attimo gli occhi, distrarsi un secondo, e Claudia non era più di fronte a lui. Per un momento rimase immobile; poi, notò un foglietto, per terra.
"Ciao Fabio, è stato bello avere un amico come te qui sulla Terra. Grazie per lo spuntino, ne avevo bisogno per affrontare il viaggio interplanetare. A mai più rivederci! Tua, Chiolda (che è il mio vero nome)".
Fabio decise che, forse, era meglio mangiarci sopra un gelato.
8. Hai una copertura finanziaria illimitata per fare qualcosa che possa divertire metà del mondo e irritarne l'altra. Che fai?
Pago Justin Bieber per fargli dire, in diretta mondiale, di essere gay.
9. A cosa penseresti, se ti dicessi di girare a pagina 394?
Penserei che hai un ottimo gusto in fatto di letture e che questa citazione rimarrà negli annali. Che personaggio, Piton!
10. Scegli un personaggio famoso qualsiasi con cui prendere un caffè. Vivo o morto, ma reale.
Avrei una lista bella lunga. Visto che mi permetti di parlare anche con i morti, punto su Victor Hugo.
11. Una parola che ti diverte?
Vado a ondate, ho delle parole che per un po’ sono le mie preferite e che tento di inserire in ogni discorso. Quella di questi ultimi tempi è affastellare e sono orgogliosa di dire che sì, sono riuscita a usarla in una conversazione.

Dovrei dirvi 11 cose di me, ma l’ho già fatto recentemente e non voglio allungare troppo questo post… Non creerò nemmeno altre 11 domande – ormai sono stati taggati praticamente tutti i blog che seguo; però mi piacerebbe leggere nei commenti cosa pensate delle varie domande-risposte di questo post e, se c’è qualche domanda che vi stuzzica particolarmente fra quelle di Salomon e della Leggivendola, potreste rispondere qui! Ormai lo sapete, adoro chiacchierare… e ogni scusa è buona per farlo :)

Vi saluto e, come sempre, vi auguro di trovare delle belle letture!

Cami

10 commenti:

  1. (LOL, affastellare)
    Aaaw, la storiella mi è piaciuta tantissimo *w* sento il bisogno di sacrificarti una bic.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice :) Accetto con gioia il tuo sacrificio, soprattutto perché consumo bic alla velocità della luce e averne una in più non fa mai male! u.u

      Elimina
  2. Sto imparando un sacco di cose sulle coccinelle. Ad averle sapute prima... ma tant'è!
    Mi sono sentito baciato da Pantabì nel momento in cui dei tizi hanno scaricato diecimila penne a non più di due metri dal sottoscritto, dicendo "bla bla... prendetene a volontà... bla bla..."
    Diecimila penne.
    Ma questa è un'altra storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O MIO DIO. Diecimila? Un sogno che si avvera *_*

      Elimina
    2. Ahah, no, grazie, per ora fortunatamente la mia scorta di bic è stabile :) Ma se vuoi sacrificarne una a Pantabì, lei ne sarà senz'altro contenta!

      Elimina
  3. Belle risposte!
    Pure io vorrei tanto andare a Hogwarts! :D
    E la memoria eidetica farebbe tanto comodo anche a me! -_-

    Ah, e complimenti per il bottino libresco! Davvero niente male :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Eh, chi non vorrebbe ;)

      Ti ringrazio, in questi ultimi mesi sono davvero fortunata :D

      Elimina
  4. Ciao Carissima!
    Innanzi tutto, complimenti per gli esami!! :D

    Aspetto con curiosità il to giudizio su SoloScambio, io ancora non mi ci sono iscritta, ma sono tentata, però i fido del tuo giudizio visto che proprio grazie a te ho scoperto Bookmocch che amo moltissimo! :)
    Comunque Pomodori Verdi Fritti al Caffè di Whistle Stop è un libro bellissimo, sono sicura ti piacerà! :D

    Mi sono piaciute moltissimo le tue risposte alle varie domande!! Complimenti soprattutto per la fantasia, la dea Pantabì la adoro, se ne istituisci il culto contami tra gli adepti (e tranquillizzala sul fatto che può contare su di me in quanto a uso di inchiostro!!) e la tua storia sui geranei è troppo carina!!!!

    Ah, e "girare a pagina 394" all'inizio non l'avevo capita! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Grazie per i complimenti, me ne manca solo uno e poi avrò finito questa sessione, non vedo l'ora :)

      Ti farò sapere le mie impressioni su SoloScambio appena avrò accumulato un po' d'esperienza, promesso! Sono proprio contenta che anche a te piaccia Bookmooch, io lo adoro :)

      Ahaha grazie, e tranquilla, dirò a Pantabì di essere gentile con te e di farti trovare tante penne funzionanti lungo la tua strada ;)
      La storia sui gerani mi è venuta in mente solo perché questa settimana ho dovuto curare quelli dei miei, che erano in vacanza xD

      Elimina