lunedì 1 aprile 2013

Marzo tra incontri, fiere, conferenze e pioggia a secchi

Buongiorno a tutti voi!
Aprile è finalmente arrivato e, anche se il meteo non è dalla nostra parte, non posso fare a meno di sperare che ci aspettino delle belle giornate di sole. Inizio a sentire la necessità di potermi sdraiare su un prato a godermi il sole primaverile.
Tuttavia, devo dire che anche questo Marzo piovoso è stato un mese piuttosto attivo: ho visitato la Mostra internazionale dei libri antichi e di pregio, al Palazzo Giureconsulti di Milano, ho passato una lunga e bella giornata al Cartoomics (con un amico e col collega Salomon, che sicuramente ne parlerà sul suo blog – vero, che ne parlerai?) e ho incontrato e passato un bel pomeriggio con il caro Vin (prometto che verrò a trovarti a Bologna!).
Proprio lui mi ha regalato un libro che desideravo moltissimo, ovvero L’ultimo giorno di un condannato a morte di Victor Hugo! Ancora mille grazie!
Ve lo presente qui sotto, assieme ad altri due e-book che ho preso diversi mesi fa ma che ancora non vi avevo mostrato (il primo episodio di Banduna, di Alessandro Mari, e Accoppiamenti giudiziosi di Carlo Emilio Gadda).

L'ultimo giorno di un condannato a morte - V. Hugo

Sotto forma di diario, questa opera racconta le ultime, angosciose ore d'attesa di un condannato alla ghigliottina, accusato di omicidio, nel regno di Francia. Mentre la folla fuori, festosa ed eccitata, aspetta che sia compiuto il macabro spettacolo nella pubblica piazza, il protagonista ripercorre la sua vita, fino al delitto, attraverso una drammatica analisi psicologica che mescola le memorie e confonde le colpe, sino a condannare la follia degli uomini che acclamano la pena estrema.






Design G_thumb[22]


Accoppiamenti giudiziosi - C. E. Gadda
I diciannove, temerari racconti radunati da Gadda nel 1963 attraversano l'intera sua attività di narratore votato a una incessante sperimentazione, e ne offrono la più autentica essenza. Tanto più che Gadda non ha esitato a includervi frammenti di romanzi quali La meccanica e La cognizione del dolore, quasi a segnalare che questo libro è anche una insostituibile autoantologia. Dove spiccano i frutti urticanti dei suoi furori contro la «sacra e buseccherita città della saggezza moraleggiante... e stentatamente grammaticante» – vere e proprie «fiammate di odio» che gli facevano dire: «Vorrei essere il Robespierre della borghesia milanese: ma non ne vale la pena». La satira, di irresistibile comicità, divampa come un rogo, riducendo in cenere moralismo benpensante, logica di casta, incrollabili certezze e virtù, e mettendo in fuga dame imperiose e impettite contro i «calamitosi tempi», professori stolidi e reboanti, apoplettici commendatori mecenatoidi, serissimi e operosi professionisti che nella famiglia e nel lavoro trovano «le "soddisfazioni" più alte, la sana gioia del vivere», industriali ossessionati dalla salvaguardia della loro «propria privata privatissima personale proprietà».

Design G_thumb[22]

Banduna . Andare al terremoto - A. Mari

Due disgraziati affrontano una tortuosa mulattiera e poi scende delittuosa la sera.Un luogo, una leggenda, una grande storia. Guardando a Charles Dickens che pubblicava sul "Morning Chronicle" - il mezzo più popolare per il più popolare degli scrittori. Alessandro Mari rinnova con inchiostro digitale la tradizione del romanzo a puntate.








Design G_thumb[22]

Il mio proposito di evitare di prendere libri nuovi continua e procede piuttosto bene, ammetto di essere piuttosto fiera di me. Mi ha permesso di leggere libri che altrimenti sarebbero rimasti a prendere polvere per chissà quanto altro tempo!
E poi, ammetto che i regali inaspettati, come quello di Vin questo mese, soddisfano anche il mio innato desiderio di mettere libri nuovi nella mia libreria – quindi sì, per ora tutto procede benissimo e la mia decisione non mi sta affatto procurando lo stress che avevo ipotizzato a inizio anno.
Comunque, questo mese ho ricevuto anche un’altra bella sorpresa: un premio per il blog! Trattasi del Liebster award, che mi era già stato assegnato in passato e per cui ringrazio Olivia (del blog Appoggiato sul comodino): sei davvero gentile, grazie!
Ricordiamo insieme le regole:
- chi riceve il premio deve ringraziare chi gliel'ha assegnato citandolo nel post
- rispondere alle undici domande poste dal blog che ti ha premiato
- scrivere undici cose su di te
- premiare undici blog che hanno meno di 200 followers
- formulare altre undici domande, cui gli altri blogger dovranno rispondere
- informare i blog del premio
I ringraziamenti li ho già fatto, quindi passo direttamente al secondo punto; ecco qui le mie risposte alle domande di Olivia.
1. Libri in brossura o rilegati? Uhm… Anche se alla fine compro spesso e volentieri i brossurati, ammetto di non saper resistere a una bella edizione rilegata e curata nei minimi dettagli.
2. Compri libri in maniera compulsiva o rifletti bene prima di acquistarli? Rifletto molto, molto bene. Gli acquisti compulsivi sono eccezioni che posso contare sulle dita di una mano.
3. La passione per la lettura ti è stata trasmessa da qualcuno? Dalla mia famiglia: sono cresciuta in una casa piena di libri e con parenti che hanno sempre appoggiato questa mia passione.
4. C'è qualche persona in particolare con cui ami parlare di libri e scambiare opinioni? C’è il mio papà, due miei amici (so che uno legge il blog, quindi: ciao Gabri!), Vin e alcuni blogger i cui siti ormai frequento da un po’ (e che ormai non sopporteranno più i miei commenti, lo so) – vorrei elencarli tutti, ma così il post diventerebbe davvero chilometrico... E poi, ovviamente, chiunque commenti qui su Bibliomania!
5. Quale libro vorresti vedere tramutato in film? Probabilmente in molti non gradiranno, però… io mi sono sempre chiesta com’è che nessuno ha mai fatto un film tratto da Il barone rampante. Se si sfruttassero appieno i paesaggi boschivi e si trovassero degli interpreti incisivi, verrebbe fuori un film con i contro-cavoli!
6. Qual è il tuo telefilm preferito? Domanda davvero difficile! Ma si intende “di tutti i tempi” o di “adesso”? Posso evitare di rispondere appendendomi a questo cavillo? Non so proprio cosa scegliere!
Adoro Fringe, Sherlock, Once upon a time, New Girl, 30 Rock, Misfits, Person of Interest, Scrubs, più o meno tutti i procedurali di tipo poliziesco (in particolar modo C.S.I., Bones, Lie to me, Cold Case, Criminal Minds e NCIS). Mi sono permessa di mescolare telefilm ormai conclusi e produzioni ancora in corso.
Ho visto anche molte altre serie, ma queste sono quelle a cui sono più affezionata e che mi sono piaciute di più.
7. La tua vacanza ideale? Baro e ne dico due: al primo posto, un viaggio in una città d’arte, verso fine primavera o all’inizio dell’autunno. Al secondo posto, una bella vacanza al mare, a inizio Luglio, perché amo la spiaggia. Entrambe dovrebbero durare almeno cinque giorni, per non andare di fretta e godersi tutto il più possibile.
8. Quali sono tre luoghi che vorresti visitare? L’Egitto, l’Irlanda e l’India.
9. Un personaggio che ti ha colpito e ti è rimasto nel cuore? Ci sono molti, moltissimi personaggi che occupano un posto nel mio cuore… Lo ammetto, è una domanda troppo vasta per me. Magari, dividendo per categorie…
10. I tuoi libri devono rimanere immacolati o essere vissuti? Immacolati. Sia perché mi piacciono così, sia per altri motivi. Ma non ho nulla contro chi li “vive” (non più, per lo meno – quando avevo 14-15 anni ero piuttosto intransigente).
11. Leggi dei fumetti? Oh, sì! Mi piacciono tantissimo. Quest’anno sono anche stata al Cartoomics, come vi ho già detto.

Proseguiamo con le undici cose su di me:
1. Sono piuttosto pigra. Mi piace rilassarmi comodamente sdraiata sul divano.
2. Odio le barbabietole; per il resto, mangio sostanzialmente tutto.
3. Posso affermare con certezza, da qualche giorno, che anche quest’anno andrò sicuramente al Salone del Libro di Torino! Ci sarò senza dubbio Venerdì e forse anche Sabato, sarebbe fantastico riuscire a fare due giorni. Anche se mantenere il mio proposito di non comprare libri diventerà davvero, davvero difficile…
4. Anche se non ne ho ancora parlato qui, amo molto la poesia. In effetti, visto quanto mi appassiona, è strano che sia così sotto-rappresentata su Bibliomania. Urge rimediare.
5. Vi ho scritto che sono stata alla Mostra internazionale dei libri antichi e di pregio; quello che ancora non vi ho detto, tuttavia, è che ho anche seguito una conferenza di Umberto Eco organizzata per questo evento. E sono diventata di un colorino violaceo-imbarazzato-ammirato quando Eco mi è passato a mezzo metro.
6. Amo gli abbracci.
7. Ultimamente sento il desiderio di rileggere alcuni dei miei libri preferiti. Forse lo farò – in caso, sarà interessante tornare da loro, come si torna da vecchi amici, e vedere cosa mi lasceranno ora.
8. Sto imparando il tedesco, ma sono ancora alle basi.
9. Ho un tatuaggio.
10. Bevo il caffè rigorosamente amaro. Il caffè zuccherato non mi piace, ma proprio per niente. Se proprio desidero un’alternativa più dolce, mi preparo un caffelatte.
11. Per tutta l’adolescenza ho usato le lenti a contatto, ora sono tornata ai cari, vecchi occhiali. Sarà che ho comprato una montatura che mi piace molto!

Ed ecco, infine, i blog a cui assegno il premio! Di solito salto questa parte a pie’ pari, ma dato che non sono moltissimi i blog che seguo che hanno meno di 200 follower, ho deciso di provare a redigere la lista (evitando quelli cui ho già assegnato premi di recente).

Quel che salto, invece, è la formulazione di altre undici domande. Ormai tutti hanno ricevuto questo premio e probabilmente le persone che ho premiato comincerebbero ad odiarmi, se dessi loro altre domande cui rispondere!
Se qualcuno proprio ci tiene, posso provare a scervellarmi per delle domande personalizzate…

E anche per questo Marzo è tutti, miei cari e mie care: al prossimo post!

Buone letture,

Cami

38 commenti:

  1. Il libro di Hugo è bellissimo!!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di sentirtelo dire, anche se ammetto che non lo dubitavo, visto l'autore in questione ;)

      Elimina
  2. Conoscevo già tutti gli 11 punti su di te, mi sa! Ottime risposte in ogni caso e buon mese di aprile.

    Spero anch'io di andare a Torino quest'anno. Mi piacerebbe molto, ma sto ancora "litigando" con parecchie variabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto. Sei stata segnata!

      Elimina
    2. Eh, mi sa di sì :) Grazie, buon Aprile anche a te!

      Ahaha come ha scritto il buon Salomon, sei segnata! Scherzi a parte, se verrai a Torino gli stessi giorni in cui ci sarò io, sarebbe bello vedersi anche lì.

      Elimina
  3. Ammetto che la 10 mi ha un po' colpito, quando ti ho visto farlo. Massimo rispetto. Buon sole primaverile, a questo punto! Non mancherà tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ti ringrazio!

      Speriamo, ieri il sole c'era, oggi è tornato a nascondersi. Vedremo...

      Elimina
    2. Credo di essermi persa un pezzo... fatto cosa?

      Elimina
    3. Mi hai pungolato senza alcun pudore... e mi chiedi anche cosa?

      Elimina
    4. Ah, ma allora avevo capito bene! L'avevo ipotizzato, ma non riesco a trovare il post o.ò

      Elimina
    5. L'ho scritto ma non so quando uscirà. Ricorda che ero in missione per conto di qualcuno! ^^

      Elimina
    6. Le giovani d'oggi non hanno più pazienza...

      Elimina
    7. Aaaah, ma io pensavo fosse già online! Per un momento mi sono sentita un po' scema xD

      Ricordo, ricordo ^__^

      Elimina
    8. Sai che non lo sei (scema). Sono io che sono diversamente ermetico! :)

      Elimina
  4. Cami,
    ma grazie, ogni volta che mi citi fai diventare me di un colorito violaceo-imbarazzato-ammirato! :) Sei carinissima e gentilissima.
    Ed è quello che ho provato anch'io quando mi è passato accanto Pennac... stessa emozione!!

    Lo sai, ma mi piace ogni tanto ribadirlo... è un vero piacere parlare con te di libri e infatti ti dico subito che ho terminato Grottesco, quindi lasciami qualche giorno per pensarci e poi ti saprò dire. Tu quando l'hai letto?
    A proposito di Eco... ma sai che c'è "Il nome della rosa" a casa mia che da qualche giorno è lì che mi fissa ed è come se mi dicesse Leggimi, leggimi! Che tentazione... L'hai letto tu?

    Per Hugò non posso che augurarti una buonissima lettura, goditelo a me è piaciuto da matti. Se non è 10 siamo lì lì! Il ritmo, l'atmosfera, la scrittura, il contesto, così attuale... tutto! Sponsorizzo pure io il caro Victor ;)

    Un forte abbraccio! :)

    P.S. Quando vorrai venire, magari quando farà un po' più caldo, sei sempre la benvenuta! La sala borsa (immensa biblioteca) ti attende! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esagerato :P grazie :)

      Io "Grottesco" l'ho letto nel 2009. Aspetto le tue impressioni! Sono un po' agitata, ovviamente spero ti sia piaciuto.

      "Il nome della rosa" *___* L'ho letto e mi è piaciuto davvero tantissimo; giusto per capirci, se l'avessi recensito sul blog gli avrei dato 9,5. Ascolta la sua voce e cedi alla tentazione ;)

      Ahah dovrei mettere un disclaimer in cima al blog: "Qui si venera Victor Hugo" xD

      Un abbraccio!

      Elimina
  5. Oh!!! Un premio per me? Oppure è un pesce d'aprile? ;)

    Anch'io porto le lenti a contatto fin dall'adolescenza, ma non me ne sono ancosta stancata, anceh eprché gli occhiali proprio non li sopprto!

    Spero di riuscire a venire anch'io quest'anno al salone del libro, sono anni che me lo riprometto, ma non ci riesco mai. Purtroppo le probabilità sono scarse, ma c'è ancora tempo, non smetto di sperare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che pesce d'Aprile! ;) E' un premio vero e te lo meriti tutto u.u

      Eheh beh, ti posso capire perché anche io pensavo che non sarei mai tornata agli occhiali. Invece, ho imparato ancora una volta che non si deve mai dire mai :)

      Sarebbe bellissimo vedersi! Spero tanto che tu ci riesca, quest'anno o in futuro; sarà una bellissima esperienza, ne sono sicura!

      Elimina
    2. Sì, speriamo davvero, sono anni che desidero andarci!!!

      E grazie ancora per il premio!!!! :)

      Elimina
  6. Mi ritrovo in qualche risposta che hai dato, sai?
    e al salone del libro dobbiamo ASSOLUTAMENTE incontrarci, conto di andare anch'io tra il venerdì e il sabato, spero entrambi i giorni.
    Inizio ad abbracciarti da subito!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora sono curiosa, posso sapere quali? :)

      Oddio ci sei anche tu al Salone?! Che MERAVIGLIA! Non vedo l'ora di incontrarti!!
      Ricambio l'abbraccio :D

      Elimina
    2. Vediamo...
      mi ritrovo nelle risposte alle domande n.2, 3, 6 (anche se ai procedurali ho detto Stop. Dopo anni e anni - e anni e anni - di serie poliziescheinvestigativecriminalidetectivistiche :D non ce l'ho fatta più e ora ho fatto giuramento solenne di non caderci più! mentre mi sento così orfana di Fringe che non riesco ancora ad accettarne la fine) 7, 9
      ...W il salone!

      Elimina
  7. Che belle risposte che hai dato! :D Io non posso bere il caffè amaro, anzi dicono che bevo zucchero e caffè, ma questi sono dettagli. Anche a me piacciono le serie poliziesche, ma non quelle troppo scientifiche (tipo CSI). So quanto ami Hugo e volevo farti sapere che mi mancano poco più di cento pagine per finire "I miserabili". Posso dirti che la mia esperienza con Hugo non finirà assolutamente qui!
    A presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :)
      Non vedo l'ora di sapere cosa pensi de "I Miserabili", allora. Sono felice che leggerai altro di suo! :D

      Elimina
  8. Grazie, non mi aspettavo il premio :D
    ....Io adoro i libri rilegati, oltre ad essere belli da avere li considero un buon investimento. I libri brossurati che ho preso neanche un anno fa hanno pagine volanti ._.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è di che :)

      Anche questo è vero, in effetti: i rilegati sono indubbiamente più resistenti!

      Elimina
  9. Un pensierino per te sul mio blog http://libridilo.blogspot.it/2013/04/premio-blogger-simpatico.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile Lo! Grazie *___*

      Ci siamo premiate vicendevolmente, neanche a farlo apposta, ahah!

      Elimina
  10. Oh, ma grazie, Cami!! *__*
    Io pure preferisco i cari e vecchi occhiali: metto le lenti di tanto in tanto, così, per provare l'emozione di guardare il mondo senza "barriere" di vetro nel mezzo XD (ma soprattutto perché con gli occhiali non riesco a passarmi la matita sotto l'occhio, a dire la verità! XD), però gli occhialetti li preferisco, sono più comodi e in fondo mi piacciono anche di più! :D PS: ieri mi sa che mi hai lasciato un commentino sul blog che però non si visualizza, blogspot fa le bizze ogni tanto... comunque mi è arrivata notifica via mail e io l'ho potuto leggere lo stesso, grazie mille! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, Sophie! :D
      Ahaha, capisco quello che dici riguardo alle lenti...

      P.S. è vero, anche a me è successo di ricevere un commento e non vederlo sul blog! Sono contenta, comunque, che tu abbia potuto leggere il mio :)

      Elimina
  11. Ciao e grazie per il premio!
    Dunque io alle lenti ho dovuto rinunciare per causa di forza maggiore (una brutta congiuntivite recidivante) quindi evviva gli occhiali!
    Al salone del libro, causa lavoro, andrò solo il Sabato pomeriggio, si può organizzare per vederci tutti quanti???
    Non so come fai al resistere allo shopping libresco, tanti complimenti!
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, è un piacere :)

      Certo che si può, sarebbe fantastico! Io non so se riuscirò a esserci anche Sabato, ma sto facendo di tutto affinché sia così, quindi vi farò sapere al più presto.

      Eheh, grazie! A volte è difficile, lo ammetto.

      Elimina
  12. Beata te che riesci a mantenere il tuo proposito di non comprare libri nuovi! Per la mia condotta, invece, mi meriterei di andare dietro la lavagna e star ferma un turno! ç_ç

    Anch'io quest'anno ho deciso che andrò al salone del libro di Torino, è la prima volta x me ma non vedo l'ora! Ho già avvisato mezzo mondo!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma no, non buttarti giù! Comprar libri è un piacere, non devi mica sentirti in colpa ;) Io ho scelto di trattenermi solo per questioni di logistica :)

      Mitico! Immagino, io ero felicissima quando sono andata al mio primo Salone. Magari ci vedremo anche noi :D

      Elimina
    2. Il problema è che anch'io non so più dove metterli! ç.ç vabbeh..cosa non si fa x la cultura! :P

      siiii..mi piacerebbe moltissimo trovarci!! *.*
      Io credo che andrò di sabato, poi quando ho preso qualche altra decisione più precisa ti faccio sapere!
      Ho letto che anche girasonia c'è..sarebbe stupendo incontrarvi entrambe!! *.*

      Elimina
    3. Ahaha, quello è un problema che ho dovuto affrontare anche io!

      Purtroppo non posso confermare al 100% che ci sarò anche Sabato, ma come ho già scritto, mi impegnerò per riuscire ad esserci :)

      Elimina